Cosa vuoi sapere della malattia di Alzheimer?

La malattia di Alzheimer è una forma progressiva di demenza. La demenza è un termine più ampio per le condizioni causate da lesioni o malattie cerebrali che influenzano negativamente la vostra memoria, il pensiero e il comportamento. Questi cambiamenti interferiscono con la vita quotidiana.

Secondo l’ Associazione Alzheimer , la malattia di Alzheimer rappresenta 60-80 per cento dei casi di demenza. La maggior parte delle persone affette da questa malattia viene diagnosticata dopo l’età di 65 anni. Se è stata diagnosticata prima di allora, è generalmente indicata come malattia di Alzheimer.

 

Il morbo di Alzheimer

Mette in risalto

  1. Le persone con malattia di Alzheimer possono sperimentare sia sintomi mentali che fisici.
  2. I tuoi familiari o amici potrebbero notare i sintomi prima di farlo.
  3. Vedere un medico e ottenere il trattamento mentre i sintomi sono ancora nelle prime fasi può contribuire a migliorare la tua qualità a lungo termine della vita.

La malattia di Alzheimer (AD) è un tipo di demenza dove le cellule del cervello muoiono. La condizione influenza la memoria, il pensiero e il comportamento. Secondo l’ Associazione Alzheimer , questa malattia rappresenta il 60-80 % dei casi di demenza. La malattia di Alzheimer è più comune nelle persone di età superiore a 65 anni, ma alcune persone hanno inizio AD precoce e mostrano sintomi già nei 40 o 50 anni.

Questa è una malattia progressiva che peggiora nel tempo. È la sesta causa di morte negli Stati Uniti. Dopo una diagnosi, le persone con la condizione possono vivere una media di quattro o 20 anni.

Riconoscere i primi sintomi dell’AD e intervenire in anticipo aiuta a prolungare e migliorare la tua qualità di vita.

I PRIMI SINTOMI

Primi sintomi di AD

I primi sintomi dell’AD possono essere lievi e sottili – così sottili che non si può notare una modifica del tuo pensiero o comportamento. Nella fase iniziale della malattia, probabilmente avrai difficoltà a ricordare nuove informazioni. Ciò è dovuto al fatto che la malattia inizia spesso a influenzare le aree del cervello responsabili dell’apprendimento di nuove informazioni. Puoi ripetere domande più tardi, dimenticare le conversazioni o appuntamenti importanti o perderti oggetti come le chiavi dell’auto.

La perdita di memoria occasionale può essere una parte normale dell’invecchiamento, quindi la dimenticanza non è necessariamente un segno dell’AD. Tuttavia, si dovrebbe parlare con il medico se il problema si peggiora.

I primi 10 segnali di avvertimento includono:

  • Oggetti errati e non riusciti a ripercorrere i passaggi
  • Perdita di memoria che colpisce la vita quotidiana (incapace di budget, unità a una località)
  • Difficoltà di pianificazione o risoluzione dei problemi
  • Prendendo più tempo per svolgere le normali attività quotidiane
  • Perdere traccia del tempo
  • Avendo difficoltà a determinare la distanza e distinguere i colori
  • Difficoltà dopo una conversazione
  • Scarsa condotta che porta a cattive decisioni
  • Ritiro dalle attività sociali
  • Cambiamenti dell’umore e della personalità e maggiore ansia